Misericordiae Vultus

Bolla di Indizione del Giubileo straordinario della Misericordia

Francesco, vescovo di Roma servo dei servi di Dio, a quanti leggeranno questa lettera, Grazia, Misericordia e Pace.

14. Il pellegrinaggio è un segno peculiare nell’Anno Santo, perché è icona del cammino che ogni persona compie nella sua esistenza. La vita è un pellegrinaggio e l’essere umano è viator, un pellegrino che percorre una strada fino alla meta agognata. Anche per raggiungere la Porta Santa a Roma e in ogni altro luogo, ognuno dovrà compiere, secondo le proprie forze, un pellegrinaggio. Esso sarà un segno del fatto che anche la misericordia è una meta da raggiungere e che richiede impegno e sacrificio. Il pellegrinaggio, quindi, sia stimolo alla conversione: attraversando la Porta Santa ci lasceremo abbracciare dalla misericordia di Dio e ci impegneremo ad essere misericordiosi con gli altri come il Padre lo è con noi. Il Signore Gesù indica le tappe del pellegrinaggio attraverso cui è possibile raggiungere questa meta: «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio» (Lc 6,37-38).

Pellegrini sulla via della Misericordia

Papa Francesco, qualche mese fa, ci ha spiazzati talmente perché ha indetto improvvisamente il Giubileo straordinario della Misericordia. Ha poi promulgato la Bolla Misericordiae Vultus che determina il quadro generale dell’anno e il significato di questo importante evento.

Come è sempre stato lungo la storia, il pellegrinaggio gioca un ruolo molto importante all’interno di questa  iniziativa di fede. E’ infatti  lo strumento principe che porta il credente a mettersi in cammino verso un profondo rinnovamento interiore , per giungere a percepire più da vicino la presenza di Dio e a vivere nel mondo, conseguentemente, una vita ispirata al Suo Amore.

Per questo il capitolo 14 della Misericordiae Vultus è dedicato alla pratica del  pellegrinaggio che nell’anno Giubilare dovrà portare, assieme al Vangelo di Luca, alla Misericordia che “è una meta da raggiungere e che richiede impegno e sacrificio”.

Il pellegrinaggio è di per se stesso un mezzo efficace che ci aiuta ad essere “uomini in uscita” come lo fu per Abramo, e tutta la tradizione biblica. Parimenti, anche la Chiesa, se diventa pellegrinante sulla Via della Misericordia, incontrerà l’uomo e il mondo laddove si trova e sarà quindi una comunità cristiana che esce da se stessa e si fa compagna di strada dell’umanità, portando in essa il Vangelo dell’amore misericordioso di Dio.

 

Don Raimondo Sinibaldi

Direttore dell'Ufficio Pellegrinaggi - Diocesi di Vicenza


Progetto ideato e promosso da

Con la partecipazione di

 

 

Sponsor principale

 

Romea Strata
Ufficio Pellegrinaggi - Diocesi Vicenza, Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30 Contrà Vescovado, 3 • 36100 Vicenza tel. 0444-327146 • fax 0444-230896

© Copyright 2017 Romea Strata