Cattedrale di Santo Stefano

Via Roma, 58
Concordia Sagittaria, 30023 - Venezia


Email: parr.concordia@diocesiconcordiapordenone.it
Sito web: Vai al sito internet
Telefono: +39 0421 270269
Fax: +39 0421 770321

Descrizione storica

La primitiva cattedrale, “Basilica Apostolorum”, fu consacrata nel 389 (?) da S. Cromazio, vescovo di Aquileia. Questa basilica fu distrutta nel 452 da un incendio (invasione degli Unni); un’altra fu subito costruita, che però fu sommera dal “diluvium aquarum” nel 589, del quale scrive Paolo Diacono. Altre ricostruzioni si ebbero nel 1050 e nel 1400. La basilica attuale fu fatta erigere dal Vescovo Antonio III Feletto (1466), mentre l’ampio coro fu costruito dal vescovo D. P. Rossi (1884). Nel 1903-04 (in occasione delle celebrazioni centenarie dei Martiri), il vescovo Francesco Isola promosse e realizzò, essendo allora vicario di Concordia don Celso Costantini, l’ampliamento della basilica (aggiunta di un’arcata), la nuova facciata, che ricorda quella di S. Zaccaria in Venezia, e la costruzione della cappella dei Martiri, con la piccola cripta che raccoglie le reliquie. In questi ultimi anni la cattedrale è stata restaurata radicalmente e portata a vivere una seconda giovinezza.

Descrizione artistica

L'interno della cattedrale è a pianta a croce latina con tre navate separate da due file di archi a tutto sesto poggianti su pilastri quadrangolari con semicolonne. Nei pressi del portale maggiore vi è una acquasantiera in marmo greco del I secolo d.C.. Sul muro di destra del presbiterio un affresco raffigurante la Crocifissione (1467-1547); gli stalli lignei del coro, invece, risalgono al XVI secolo; sulla parete destra dell'abside il monumento funebre rinascimentale dei vescovi di Concordia Francesco e Giovanni Algertino; l'altare maggiore è in stile barocco. Nella cappella dei santi martiri concordiesi, ampliata all'inizio del XX secolo dal futuro cardinale Celso Benigno Luigi Costantini, vi è una pala di Alessandro Varotari detto il Padovanino. L'ampliamento ha portato anche all'allungamento della navata. Per far questo la facciata è stata distrutta per poi essere di nuovo ricostruita fedele all'originale. I segni di questo ampliamento sono visibili dall'interno per via del diverso materiale con cui sono state erette le aggiuntive colonne e per un solco volutamente lasciato sul muro che stava ad indicare il punto in cui si interrompeva la navata.

Referente

Don Livio Corazza
Don Enrico Facca

Festività

Periodo Invernale dal 01/11/2015 al 31/03/2016: FERIALE ore 07:00, 18:30, SABATO ore 18:30, DOMENICA ore 7:30, 9:30, 11:00, 18:30
Periodo Estivo dal 01/04/2016 al 31/10/2016: FERIALE ore 07:00, 18:30, SABATO ore 18:30, DOMENICA ore 7:30, 9:30, 11:00, 18:30

Altro

Possibilità di pernottamento nelle salette parrocchiali

Sitografia

http://www.parrocchiemap.it/parrocchiemap/consultazione/parrocchie/scheda.jsp?icsc=7600153
http://www.cattedraleconcordia.it/?page_id=288
https://it.wikipedia.org/wiki/Cattedrale_di_Santo_Stefano_(Concordia_Sagittaria)

 


Progetto ideato e promosso da

Con la partecipazione di

 

 

Sponsor principale

 

Romea Strata
Ufficio Pellegrinaggi - Diocesi Vicenza, Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30 Contrà Vescovado, 3 • 36100 Vicenza tel. 0444-327146 • fax 0444-230896

© Copyright Omniaweb - web agency Padova